Assistenza e ricovero dei cani abbandonati

LA FONDAZIONE PRELZ  onlus – ETS è nata nel 2003 per assicurare un futuro all’attività di assistenza e ricovero dei cani abbandonati, iniziata da Xenia Prelz nel 1985.
Il canile della Fondazione ospita oltre 100 cani, sia cuccioli trovati nei cassonetti o in campagna, che cani bisognosi di cure perché incidentati o malati. Questi animali vengono curati, riabilitati e sterilizzati dalla Fondazione e una volta ristabiliti o svezzati se cuccioli, ci si prodiga in ogni modo per trovare una buona adozione. Nella nostra struttura sanitaria sterilizziamo una media annuale di 1500 animali ma vorremmo poter fare di più.
L’obiettivo della Fondazione è quello di collaborare oltre che con le Associazioni Animaliste, anche con Comuni ed Asl allo scopo di sterilizzare il maggior numero possibile di animali.
Siamo attrezzati anche per effettuare la chirurgia ortopedica di cui, purtroppo, i randagi hanno spesso bisogno.
Lo scopo finale è quello di combattere il fenomeno del randagismo, diventato ormai una vera piaga sociale e trasmettere alle future generazioni un codice di comportamento che ristabilisca la corretta convivenza tra umani e animali.

Xenia Prelz, Presidente della Fondazione

PROGETTO “MUTUA PER GLI ANIMALI”

Vorrei presentare un nuovo progetto della Fondazione Prelz onlus – ETS riguardante i nostri servizi veterinari.

Sarebbe bello riuscire a istituire una specie di tessera sanitaria veterinaria per i non abbienti (veramente tali), residenti nel Comune, con la quale poter curare i propri animali a spese del Comune, invece di abbandonarli.

Con una cifra annuale modesta in bilancio comunale, si potrebbe dare la possibilità a tante persone, specialmente ad anziani, di non doversi separare da quello che è spesso il loro unico amico, ma di poterlo curare o sterilizzare senza sobbarcarsi una spesa che non possono permettersi.

Questa iniziativa potrebbe dare al Comune che aderisse al “Progetto Mutua per gli animali” una notevole visibilità e allo stesso tempo ridurre gli abbandoni e quindi il randagismo che rappresenta un pesante onere per la società.

Xenia Prelz

Dopo più di cinquant’anni che mi occupo di cani con impegno e passione, per caso ho sentito in tv, recitata da Valeria Fabrizi, questa poesia di Madre Teresa di Calcutta che mi ha colpito molto…
Xenia Prelz

TIENI SEMPRE PRESENTE

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni.
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è la colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite…
Insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te.
Fai in modo che invece di compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni
non potrai correre, cammina veloce.
Quando no potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!

MADRE TERESA DI CALCUTTA

DONACI IL TUO 5 X MILLE!

Vi ricordiamo che c’è una norma della Finanziaria che vi permette di devolvere in beneficenza il 5 x mille dell’IRPEF, scegliendo a che ente o associazione di volontariato destinare la quota.

Come si fa: SEMPLICEMENTE APPONENDO LA VOSTRA FIRMA in uno dei quattro riquadri che compaiono sui modelli di dichiarazione (CUD 2006- modello 730/1 – MOD.UNICO persone fisiche 200) ed indicando il Codice Fiscale della Fondazione Prelz Onlus: 97240820585

Per eventuali donazioni potete effettuare un versamento a:

FONDAZIONE PRELZ ONLUS
IBAN:  IT95V0329601601000064339992
oppure  IBAN: IT78C0200803377000060002459

Un cane non è un pacco dono

Prima di cedere all’entusiasmo della vostra fervida immaginazione: “un bel caminetto acceso, a fianco di uno sfavillante albero di natale, e proprio lì sotto un bel pacco scintillante dal quale esce uno stupendo cucciolo di……..” ? ! Domandatevi: “sono/siamo davvero pronti ad accogliere un cane o un gatto o una tartaruga o un…. nella mia/nostra vita?” Accogliere un animale domestico in casa significa, innanzitutto, modificare le abitudini della propria vita e della vita dei conviventi. L’animale non è un peluche, non si adatta a voi (almeno all’inizio) siete voi a dovervi adattare a lui, a lei. Siete pronti alla rinuncia, al rispetto, a cambiare? Siete pronti a concedere affetto disinteressato? Se la risposta a  queste domande è sì, allora potete regalare a vostra figlia, a vostro nipote, al vostro partner, a voi stessi l’animale che sceglierete. Un piccolo suggerimento: fate prima un giro al canile o gattile per dare un tetto a un animale abbandonato, così farete due regali contemporaneamente. Se la risposta è NO, e volete fare comunque un  regalo “animaloso” a vostra figlia, nipote, moglie, marito… regalate un bel peluche di cane, gatto o tartaruga… con attaccata la ricevuta del versamento di adozione per un animale a distanza… Farete così due regali contemporaneamente!

Seguici fu Facebook

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi